Cerca
Close this search box.

Bonifica siti ex industrie

salvo-riga-250701.316x176

Colgo positivamente la notizia della decisione da parte dell’amministrazione Comunale di commissionare al
famoso street artist Jorit la realizzazione di un’opera nel quartiere Fondo Gesù. L’opera sarà dedicata alle
vittime della tragedia di Steccato di Cutro, aiutandoci così a non dimenticare mai quanto è accaduto: un evento
drammatico che rappresenta ancora una ferita aperta nel cuore della nostra Città. E non è la sola. Il luogo in cui
verrà collocata l’opera è il quartiere a confine con l’area industriale. Ed il pensiero corre così inevitabilmente
anche ad un’altra ferita aperta, di certo non paragonabile alla prima in termini di gravità, ma forse più alla
nostra portata rispetto alla possibilità di guarigione e risoluzione. L’area che era serbatoio e generatore di
ricchezza per la città rappresenta oggi un “tappo allo sviluppo” di Crotone e del suo circondario.
Eppure, a due mesi dall’ultima “Conferenza dei Servizi Istruttoria” in cui è stato ribadito il diniego alla proposta
di Eni per la realizzazione di una discarica di scopo nel sito dell’ex Pertusola Sud, pare sia calato il silenzio sulla
vicenda bonifica.
Un silenzio che non possiamo permetterci, perché non possiamo far finta e dimenticare o rimandare la
risoluzione del problema bonifica ad oltranza.
Ritengo che non sia’ più sufficiente, dopo oltre 20 anni, ridursi ad alzare solo barricate alle proposte del cane a
sei zampe, o attendere in modo passivo che l’attuale Governo decida di indicare un commissario per le
bonifiche.
A tale scopo, propongo al Primo Cittadino, di farsi promotore per l’istituzione di un tavolo tecnico permanente
sulla vicenda Bonifica e rapporti con Eni, per definire una linea politica e tecnica da proporre al Ministero
dell’Ambiente.
E’ giunto il momento che dalle Amministrazioni locali, arrivi una proposta chiara ed organica e slegata da ogni
interesse di parte.
E’ giunto il momento di definire un agenda industriale da proporre ad Eni, per programmare la permanenza
della multinazionale sul nostro territorio, che non sia solo estrattivo e di sfruttamento del territorio.
E’ giunto il momento di iniziare un nuovo percorso di crescita che deve coincidere con una strategia comune e
concertata anche con Eni.
Il Capo Gruppo di Azione in Consiglio Comunale
Salvo Riga

Torna in alto