Cerca
Close this search box.

Elisabetta Barbuto (M5S Camera) – In campagna elettorale c’è bisogno di correttezza e competenza. In particolare sulla questione trasporti

Foto Elisabetta Barbuto 2

“La campagna elettorale è iniziata e spiace notare come le affermazioni di alcuni candidati denotino, in
tutta evidenza, la mancanza assoluta di conoscenza del territorio del quale si propongono come
rappresentanti proponendo progetti che, se pur apprezzabili e condivisibili a livello teorico, non trovano
alcuna possibilità di essere realizzati nell’immediato per motivi oggettivi ricollegabili al pluriventennale
abbandono delle nostre zone , soprattutto del crotonese, al quale ho cercato in questa legislatura di porre
argine invertendo il corso del perverso disegno di isolamento della zona ionica. Mi riferisco all’idea della
metropolitana leggera tra Sibari e l’aeroporto di Crotone, un evergreen sistematicamente rispolverato in
occasione delle elezioni. Quando, insomma, si evita accuratamente di parlare del vagheggiato, quanto
improponibile, progetto di un aeroporto dell’alto Ionio per aderire improvvisamente all’idea di un territorio
unico (alto e basso Jonio) all’insegna del “volemose bene”, ma lo scopo malcelato è solo quello di pescare
voti nell’area crotonese. Argomento già oggetto di scontro con la collega Ferro qualche tempo fa ed oggi
riproposta dal candidato Giovanni Papasso nonché sindaco di Cassano allo Jonio in occasione
dell’inaugurazione del ponte aereo mare/monti tra la stessa Cassano in provincia di CS e Cotronei in
provincia di Kr.”
Così la deputata crotonese M5S Elisabetta Barbuto la quale prosegue “Come si può proporre, ancora oggi,
una metropolitana leggera tra Sibari e l’aeroporto di Crotone se non esiste allo stato alcun collegamento
ferroviario tra Crotone e l’aeroporto? Possibile davvero che si ignori un “particolare” così ininfluente o si
confidi esclusivamente nella distrazione della popolazione? Invero, credo fermamente che chiunque si
voglia proporre come rappresentante di un collegio così vasto come quello di Corigliano Rossano, abbia
l’obbligo di conoscerlo adeguatamente ed informarsi preventivamente ed esaurientemente sia sulla reale
situazione delle infrastrutture dello stesso sia sui progetti alle stesse afferenti ed al loro stato e, magari,
impegnarsi a seguirne la realizzazione piuttosto che proporre spot elettorali triti e ritriti che hanno fatto e
fanno solo male alla popolazione di queste zone. Soprattutto abbia l’obbligo di informarsi sullo stato dei
lavori in corso, come l’elettrificazione della linea tra Lamezia- Catanzaro Lido e Crotone, oggetto di
commissariamento dal 2021 grazie alla richiesta da me effettuata in Commissione traporti della Camera dei
Deputati, nonché sui progetti in corso come lo studio di fattibilità di un percorso alternativo alla galleria di
Cutro, nel tratto Crotone Catanzaro Lido, che contempla una fermata presso lo scalo aereo pitagorico. E su
questo progetto che sto lavorando da tempo e del quale tengo costantemente informato il territorio
(https://www.telemia.it/2022/08/elisabetta-barbuto-m5s-camera-incontro-con-la-struttura-tecnica-di-
missione-del-ministero-delle-infrastrutture-e-della-mobilita-sostenibile/ ) . “
“Sono, tuttavia, convinta – conclude la deputata crotonese – che la popolazione della costa ionica sappia
ben distinguere fra chi ancora utilizza gli specchietti per le allodole per fini squisitamente elettorali e chi,
come la sottoscritta, nel corso di questi anni ha lavorato duramente, senza stupire con effetti speciali e
senza rilanciare progetti altisonanti e altrettanto irrealizzabili offendendo l’intelligenza degli interlocutori.
Ritengo che il politico abbia, come tutti, l’obbligo di dire sempre la verità che potrà anche essere spiacevole
ma non può essere sottaciuta né mortificata. Non ho mai nascosto le difficoltà incontrate sul mio
cammino, difficoltà lasciate in eredità da anni di abbandono e malgoverno delle nostre zone, ma vado fiera
di avere sempre perseverato nel mio percorso con l’obiettivo del riscatto e del rilancio socioeconomico
della fascia ionica e, quindi, della Calabria intera. Perché si cresce soltanto se si cresce tutti insieme”.
Elisabetta Barbuto
Commissione trasporti Camera dei Deputati

Torna in alto