Cerca
Close this search box.

GRANDE FESTA PER LA POSA DEL NUOVO STELLARIO PER IL BUSTO DI SAN BRUNO

SAN BRUNO

L’opera realizzata dall’orafo Michele Affidato per il Santo fondatore della Certosa di Serra
È stato un intenso momento di festa quello svoltosi all’interno della Chiesa
Matrice di San Biagio, dove il busto argenteo di San Bruno, che custodisce il
reliquiario del Santo, è stato adornato di un nuovo Stellario. L’opera che da oggi,
impreziosirà il simulacro che viene custodito all’interno della chiesa della Certosa
di Serra San Bruno, è stata realizzata dal maestro orafo Michele Affidato. Lo
Stellario, è stato realizzato interamente a mano, in argento laminato oro 18
carati. Contiene 7 stelle lavorate a rilievo, ognuna delle quali cerata con un
sistema di perni autoflettanti, che nel tempo daranno la possibilità di procedere,
in maniera più semplice, alla pulitura ed alla conservazione. Il cerchio dello
Stellario, invece è di forma tubolare, per meglio donare armonia all’opera ed
incastonarla bene alle forme del busto. La posa, si è svolta nel pomeriggio di
sabato 9 ottobre, nel corso della settimana di festeggiamenti dedicati al santo di
Colonia, fondatore dell’Ordine Certosino e fondatore in Italia della prima
millenaria Certosa di Serra San Bruno. Un evento quello dell’incoronazione
vissuto da tantissimi fedeli con trepidante attesa che dimostra il legame
indissolubile di fedeltà che lega San Bruno ai Serresi attraverso il culto immutato
da centinaia di anni. Erano presenti al sacro rito dell’incoronazione il Primo
cittadino del comune vibonese, Alfredo Barillari, il vice Sindaco Rosanna Federico, Don
Ignazio Iannizzotto, Priore della Certosa di Serra San Bruno, Don Leonardo Calabretta parroco della
Chiesa Matrice di San Biagio, Don Bruno La Rizza, Don Brunello Gallace, oltre ad altre autorità
civili e militari. Il busto argenteo di San Bruno attualmente custodito nella chiesa
Madre di San Biagio farà ritorno in processione presso la Certosa di Serra San
Bruno il prossimo 12 di ottobre. Quanto realizzato da Michele Affidato è stato
particolarmente apprezzato dai fedeli e dalle autorità al momento della posa. Il
maestro orafo non è nuovo ad opere di questo genere. Affidato ha infatti lavorato
per la realizzazione dei nuovi diademi per la Madonna di Czestokowa, la Vergine
tanto amata da Papa Giovanni Paolo II, ma ha anche realizzato nel tempo diversi
diademi e corone per tante effigi raffiguranti la Beata Vergine Maria in numerose
Chiese e Santuari in tutto il mondo, senza dimenticare gli Stemmi Papali realizzati
per Papa Benedetto, Papa Francesco ed i tanti segni episcopali per Cardinali e
Vescovi. Nel suo intervento, l’orafo crotonese dopo aver ringraziato le autorità,
tutti i fedeli presenti ha voluto porgere un saluto ed un ringraziamento
particolare al Priore della Certosa Don Ignazio Iannizzotto non solo per la sua
vicinanza ma anche per aver condiviso tutti i passaggi, le decisioni e la
lavorazione dello Stellario. Affidato ha tenuto poi a sottolineare come tutto
questo lavoro lo abbia coinvolto emotivamente, a livello artistico e spirituale,
vista anche la grande importanza che, il culto per San Bruno, riveste per i fedeli.
“Ho vissuto con grande trepidazione questo momento – commenta Michele
Affidato nel suo discorso durante la cerimonia – sono consapevole di aver creato
un’opera per un Santo che qui a Serra San Bruno e non solo, ha una grande
venerazione e che, nello stesso tempo, racconta il profondo ed indissolubile
legame con i Serresi attraverso un culto immutato da centinaia di anni. Possa San
Bruno proteggerci e illuminarci in un momento così difficile per tutta l’umanità,
facendoci riscoprire la gioia della speranza che illumina ogni cuore. Che ognuno di

noi riesca a percepire in ciò che ci circonda, i segni della bontà di Dio, come San
Bruno che riusciva a vedere soprattutto il bene in ogni uomo ed in ogni vicenda”.

Torna in alto