Cerca
Close this search box.

IL 20 NOVEMBRE RICORRE LA “GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA”

MICHELE AFFIDATO

L’ambasciatore nazionale di UNICEF Italia Michele Affidato: “bisogna proteggere e tutelare i più deboli”

Parlare oggi dei diritti dell’infanzia tenendo sempre alta l’attenzione su questa tematica è qualcosa di assolutamente
necessario ed imprescindibile. I bambini sono fondamentali per la crescita di una società ed è indispensabile
preservare il loro benessere presente e futuro. Il 20 novembre ricorre in tutto il mondo la “Giornata internazionale dei
diritti dell’;infanzia e dell’adolescenza”. In questa data, nel 1989, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la
Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Oggi, sono oltre 190 i Paesi nel mondo che hanno
ratificato la Convenzione. L’importanza di questo evento è data dal modo in cui, a partire dall’ ’89, si iniziò a vedere
l’infanzia e l’adolescenza. Un documento che riconosce per la prima volta bambini, bambine e adolescenti come
titolari di diritti civili, sociali e politici, fu una vera e propria rivoluzione culturale. Il bambino non è più visto come
soggetto passivo, mero ricettore di cura e protezione, ma viene considerato titolare di diritti e reale protagonista della
sua vita. Questi, diventano soggetti a cui vengono riconosciuti universalmente dei diritti giuridici come ad esempio il
diritto al nome, alla salute, a una corretta alimentazione, all’istruzione ed alla sopravvivenza. Con il tempo poi, se ne
sono aggiunti altri come per esempio il diritto di vedere rispettate la riservatezza e la libertà di espressione. Eppure,
nonostante spesso vi sia un generale consenso riguardo l’importanza dei diritti dei più piccoli, ancora oggi troppi
bambini e adolescenti, anche nel nostro Paese, sono vittime di violenze, sono discriminati, emarginati o vivono in
condizioni di grave trascuratezza. Il diritto stesso all’istruzione poi, completamente negato in molti paesi del mondo,
diventa opzionale per tantissimi bambini ed adolescenti. Una vera tragedia se si pensa che, proprio attraverso lo
studio verranno plasmati gli uomini e le donne di domani. Questa giornata andrebbe celebrata volgendo la “nostra”
attenzione ad ascoltare quel coro di voci che in tutto il mondo si levano per richiamare ogni adulto al proprio dovere
inderogabile: quello di proteggere, tutelare e promuovere i bambini, i ragazzi e gli adolescenti, perché tutta l’umanità
si possa sentire un’unica grande famiglia. Da anni il mio impegno con UNICEF Italia segue questa strada. Sensibilizzare
ma soprattutto sostenere i più deboli e gli indifesi, questa è la mission a cui siamo chiamati. Quest’anno, poi, UNICEF
ha voluto dedicare questa giornata ad un tema in particolare: “la salute mentale e il benessere psicosociale”.
L’importanza di questa tematica è dettata dal fatto che nonostante, oggi, ci troviamo lontani da quella che è stata la
pandemia da Covid-19, molti giovani pagano ancora, da un punto di vista psicologico, le conseguenze che questa ha
avuto nel mondo, ma non solo. Secondo i dati pubblicati da UNICEF, nel mondo il suicidio è la quinta causa di morte
per i giovani tra i 15 e i 19 anni, la seconda causa in Europa: parliamo di quasi 46.000 adolescenti che si tolgono la vita
ogni anno, più di uno ogni 11 minuti. Quasi la metà di tutte le problematiche legate alla salute mentale inizia entro i 14
anni di età e il 75% di queste si sviluppa entro i 24 anni: la maggior parte dei casi però non viene individuata né presa
in carico. Questo crescente disagio psicosociale, che colpisce giovani e giovanissimi, ha quindi imposto ad UNICEF la
scelta di promuovere una serie di azioni, tra cui anche la petizione “Salute per la mente di bambini e adolescenti”, per
cercare di aiutare concretamente chi soffre di disturbi di questo tipo. Il mio auspicio, ovviamente, è quello che tutti
possano unire le proprie voci ed i propri sforzi al fine di portare, anche nella nostra terra, l’ideale della famiglia umana
fondata sulla solidarietà e sulla coesione tra le generazioni. Perché bisogna partire dalla difesa dei più deboli per poter
creare un mondo più equo e giusto.

Torna in alto