Cerca
Close this search box.

IL CONSIGLIERE COMUNALE FABRIZIO MEO SULL’ESTERNAZIONE DEL SINDACO VOCE SUL CDM A CUTRO

meo

Ho letto rimanendone sconcertato l’esternazione del Sindaco Enzo Voce rivolta al Presidente
del Consiglio che ha ad oggetto la lamentata mancata presenza di rappresentanti istituzionali nella
nostra Città
Con altrettanta perplessità apprendo che potrebbe accadere che la Città tutta possa essere penalizzata
stante il supposto mancato coinvolgimento del Sindaco negli incontri del 9 di marzo che
coinvolgeranno altri amministratori locali, in occasione della celebrazione del Consiglio dei ministri
che si svolgerà a Cutro domani, mi auguro con tutto il cuore che ciò non accada.
Indipendentemente da ciò che avverrà non mi pare possibile tacere oltre e debbo quindi ricordare che
la posizione del Consiglio Comunale e quindi dell’istituzione che il Sindaco è chiamato a
rappresentare è riassunta nella deliberazione del Consiglio, del 28 febbraio 2023, alla quale ho molto
più che partecipato attivamente e che è stata condivisa e votata da tutto il Consiglio Comunale anche
dal Sindaco Enzo Voce.
In tale risoluzione, per volontà unanime dei consiglieri, non vi è alcuno spunto polemico né invettive
ma solo l’espressione del profondo cordoglio di un’intera città oltre che meditate proposte, specifiche
e programmatiche che meritano di essere sottoposte all’attenzione del Governo.
Tale deliberazione, votata anche dal Sindaco è stata consegnata, dallo stesso Sindaco, nelle mani del
Presidente della Repubblica Mattarella in occasione della sua visita.
Non posso accettare pertanto che la Città nella sua interezza piuttosto che un Consiglio comunale che
si è espresso in modo formale e chiaro, possano essere, in un momento come questo, coinvolti in
polemiche ed invettive che a discolpa del primo cittadino mi sorge il dubbio siano il frutto dei
suggerimenti strampalati di qualche ufficio stampa improvvisato.
Questa terribile sciagura, per come detto in modo chiaro nella delibera del Consiglio comunale a cui
mi appello, segna uno spartiacque, non sono accettabili in un momento come questo personalismi e
pur nel rispetto del libero pensiero, le dichiarazioni polemiche dall’ing. Enzo Voce sono attribuibili
a lui ed a lui soltanto.
Le proposte ed i desideri della Istituzione comunale sono consacrate invece nella deliberazione del
Consiglio comunale.
Credo che tutti noi speriamo ardentemente che almeno in un’occasione come questa si possa lavorare
assieme, perché la voce della nostra Città non può essere ignorata.
Capogruppo Crotone Libera
Consigliere comunale
avv. Fabrizio Meo

Torna in alto