Cerca
Close this search box.

LA PROVINCIA DI CROTONE CHIEDE LO STATO DI CALAMITA’ PER I DANNI DI DOMENICA SCORSA

318550348_454475510190727_4751601958567345618_n

Ingenti i danni causati dal maltempo il 30 novembre e poi ancora il 3 e 4
dicembre nel territorio della provincia di Crotone.
Eventi atmosferici eccezionali, piogge intense e fortissime raffiche di vento,
infine una violentissima tromba d’aria, hanno danneggiato e messo in pericolo
tante strutture non solo private, tra le proprietà colpite, danni ingentissimi
anche a proprietà dell’Ente, considerevoli anche su molte delle arterie viarie di
competenza provinciale.
Nell’immediatezza degli eventi calamitosi, gli uffici ed i tecnici della Provincia
sono stati allertati e hanno prontamente effettuato sopralluoghi e verifiche
oltre che avviato da subito interventi per la messa in sicurezza ed il ripristino
ove possibile.
Impegnati negli accertamenti propedeutici agli interventi i tecnici del Settore
Lavori Pubblici, Viabilità e Infrastrutture Stradali, a tal proposito, il presidente
Ferrari ha inteso ringraziare non solo gli uffici, ma anche il consigliere delegato
Enzo Lagani, prodigatosi, già dalle prime ore di domenica e per tutto il giorno a
monitorare l’emergenza. Un ringraziamento sentito, anche ai tanti sindaci, che
hanno dato un prezioso contributo ed alla loro instancabile collaborazione.
Ingenti i danni al corpo stradale ed ai manufatti di numerose arterie provinciali
per le quali, a causa della mancanza di fondi, si è dovuto nell’immediatezza
procedere alla chiusura.
Interessati anche edifici scolastici e pubblici di pertinenza, con infiltrazioni di
acqua dai solai di copertura e allagamento dei piani interrati.
Lo straripamento di diversi fiumi e torrenti, ha provocato notevoli danni alle
arterie provinciali adiacenti e strutture ed attività industriali ed agricole.
Un intero territorio fortemente provato, che oggi deve fare il bilancio dei danni
ma soprattutto deve essere in grado mettere in campo tutte le azioni
necessarie per consentire il ripristino delle strutture e garantire la sicurezza
delle nostre comunità.
L’impatto sulla già fragile situazione economica, sociale ed infrastrutturale,
impone l’adozione di mezzi ed azioni straordinarie, ed è per questo che il
Presidente della Provincia di Crotone Sergio Ferrari, in condivisione con l’intera
amministrazione, ha deciso di chiedere alla Regione Calabria il riconoscimento,
per l’intero territorio provinciale, dello “stato di calamità naturale”, per

l’adozione di urgenti provvedimenti e sostegni finanziari per la riparazione dei
danni.
“Dobbiamo avere gli strumenti – ha dichiarato il Presidente Ferrari – per
intervenire e per farlo tempestivamente, per rendere sicure le strade e le
scuole, per evitare che alcune comunità possano restare isolate e per
consentire agli imprenditori, alle aziende, che hanno ancora una volta pagato
un prezzo alto, di avere il giusto ristoro e la possibilità di riprendere con nuova
forza e rinnovato vigore le proprie attività. Siamo accanto a quanti in questi
giorni hanno perso tanto, ma a loro vogliamo dire che siamo al lavoro per
ottenere la giusta attenzione, stiamo lavorando dalla costa all’entroterra per
sgombrare il fango dalle strade, per far tornare i nostri ragazzi in sicurezza
nelle scuole”.

Torna in alto