Cerca
Close this search box.

Leo Barberio in merito alla riduzione delle guardie mediche

IMG_3421

“Non posso tacere davanti alla discussione che si sta accendendo, nelle file del centrodestra calabrese, sulla riduzione delle guardie mediche del territorio presa nei giorni scorsi dall’ASP di Crotone. Pur non essendo d’accordo con il provvedimento del dott. Brambilla, commissario dell’ASP, non posso non notare come gli esponenti di centrodestra cerchino di arrampicarsi sugli specchi per scaricare la colpa anziché prendersi la paternità delle decisioni.

Per questo ritengo strumentali gli attacchi degli esponenti di Lega e Fratelli d’Italia. Se questi avessero veramente a cuore il problema della sanità, invece dei soliti proclami sui mezzi d’informazione, potrebbero attivarsi seriamente per migliorare la situazione essendo al governo del paese e della regione Calabria. A loro vorrei dare un consiglio: se davvero fossero interessati a cambiare questa decisione, andassero lunedì al decimo piano della cittadella a protestare con il Commissario alla Sanità Roberto Occhiuto, il quale sarebbe il capo della loro coalizione a livello regionale e vicesegretario di Forza Italia a livello nazionale.

La situazione è angosciante in quanto, per questi politici, la sanità non è più un diritto essenziale dei cittadini, ma uno strumento di manipolazione che i diversi esponenti del centrodestra usano per un unico obiettivo: acquisire potere e consenso in vista delle prossime elezioni europee (dove non potranno andare uniti a causa del sistema elettorale proporzionale).

Se davvero avessero intenzione di protestare contro la decisione dei commissario Occhiuto e del commissario Brambilla usino le armi della politica vera per provare a sfiduciare la Giunta Regionale. In quel caso, sicuramente, troveranno il nostro appoggio per porre fine a queste sceneggiate teatrali”.

Leo Barberio

Segretario di Federazione del Partito Democratico

Provincia di Crotone

Torna in alto