Cerca
Close this search box.

MAI IN ITALIA E’ AVVENUTO IL CAMBIO DI UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE PER ONORARE UNA CAMBIALE POLITICA FIRMATA CON UN CONSIGLIERE ELETTO NELLE FILA DELL’OPPOSIZIONE.

IL TRIO

La vicenda di Mario Megna rappresenta quanto di più squallido e ai limiti della democrazia possa esistere nella politica e nella pubblica amministrazione in una comunità come Crotone che avevo bisogno di una svolta e di un cambiamento epocale. Abbiamo votato tutti perchè il “vecchio” della politica venisse spazzato via, ma non è stato così si sta verificando un tradimento politico senza precedenti. Elencare quanti tradimenti  da parte della maggioranza e dell’opposizione ci sono stati è abbastanza lungo, voglio per ora limitarmi alla pretesa di Mario Megna di avere pagato la cambiale di giugno quando in una squallida manovra per evitare la caduta della giunta Voce ha effettuato complici i 4 dissidenti che non hanno preso al volo l’occasione per tornare a dare la parola ai cittadini e così il MARIO DELLA VECCHIA POLITICA ora passa all’incasso per uno stipendio di 5000 mese e al quale il Sindaco si è piegato portando Crotone alla ribalta Portando Crotone alla ribalta nazionale in quanto sono rarissimi i casi che si sono presentati in altre amministrazioni con comuni al di sopra dei 15 mila abitanti.  Resta un fatto ancora più vergognoso atteggiamento dei consiglieri comunali che non hanno preso alcuna posizione per quanto riguarda l’avvicdentamento del presidente del consiglio comunale Giovanni Greco per far posto a Mario Megna. Ricordiamo che Greco è stato eletto dei consiglieri comunali ad inizio legislatura lo stesso presidente si è fatto sempre garante anche di situazioni discutibili sotto il profilo procedurale in favore dello stesso Sindaco Voce la città è ormai distante da ciò che riguarda la pubblica amministrazione e non è affatto rappresentata in quelli che sono i bisogni necessari per la sopravvivenza quotidiana, e ancor di più sulla concreta efficacia della gestione amministrativa di questa giunta Voce che ripeto ancora una volta doveva rappresentare e cambiamento rispetto a quello che è l’andamento passato nella nostra città. Per STANCHI DEI SOLITI che si riconosce  appunto nello stesso nome di movimento politico ha detto che Mario Megna che seppur ha lasciato Forza Italia rimane ancora oggi un personaggio il SOLTO DELLA VECCHIA POLITICA, Come si suol dire legato al passato da più legislature una figura politica che era stata eletta appunto con una forza di opposizione che aveva presentato come sindaco Antonio Manica che rimane ancora nel gruppo di Forza Italia in tutto ciò stiamo ci domandiamo Che figura ricopre Sergio Torromino già parlamentare nella precedente legislatura e se lui ancora rimane all’interno di Forza Italia visto che è stato sponsor maggiore di Mario Megna che nel giugno scorso ha evitato la capitolazione del Sindaco restando in aula consigliare e  la sua presenza  anche se con un voto sfavorevole ha consentito di avere il numero legale per poter e quindi procedere. Ancora oggi di fatto come abbiamo già detto questa è una cambiale politica in scadenza che deve essere onorata costi quel che costi a che cosa serve un rmpasto della stessa giunta se poi le cose non cambiano O meglio non ci sono prospettive concrete per l’intera cittadinanza è una città lasciata allo sbando, una città ha servizi non ha nulla di nulla, si fanno ogni giorno annunci ma nei fatti non esiste nessun intervento a partire per esempio dal servizio di mensa scolastica del trasporto scolastico poiché siamo soltanto agli annunci Lo stesso assessore Via  ha ribadito che i funzionari del Comune di Crotone stanno facendo i miracoli come se come se l’anno scolastico fosse una un evento eccezionale quando vanno fatti Interventi calendarizzati e quindi già prevedibile in tutte le sue strutture. Per non parlare ancora di più della vicenda degli assessori che dovrebbero lasciare la giunta si parla di Natale Filiberto che era subentrato al posto della del vicesindaco Cretella che si è spostato a vicesindaco lasciando fuori Sorgiovanni è ancora l’assessore Carvelli è l’assessore Pitingolo questi è sia Pitingolo sia Filiberto sembrano destinati ad essere sostituiti quindi delle Meteore politicamente parlando meglio amministrativamente parlando di fatto è una città che ancora aspetta risposte di fatto in una città che non ha servizi essenziali e che vive quotidianamente sull’incertezza.

Giovanni Monte 

Torna in alto