Cerca
Close this search box.

PINA AMARELLI NUOVO TESTIMONIAL REGIONALE DI UNICEF ITALIA

PINA AMARELLI E MICHELE AFFIDATO

L’Ambasciatore Nazionale Michele Affidato dà il benvenuto all’imprenditrice rossanese
Pina Amarelli è il nuovo Testimonial per la Regione Calabria di UNICEF Italia.
Il conferimento all’imprenditrice rossanese è avvenuto a Roma nella sede di UNICEF Italia lo
scorso 12 settembre da parte del Presidente Nazionale Carmela Pace, il Direttore Generale Paolo
Rozera e la Consigliera Nazionale Patrizia Surace. La nomina è stata conferita su proposta del
Comitato Provinciale Unicef di Cosenza presieduto dalla Dott.ssa Monica Perri e di quello
regionale presieduto dal Dott. Giuseppe Raiola. Pina Amarelli, Ambasciatrice della cultura e
dell’imprenditoria italiana nel mondo, la stessa è Presidente della Amarelli Sas di Rossano e fa parte
del Cda del Sole24Ore. Ha voluto, dunque, mettere al servizio di UNICEF Italia tutte le sue
capacita appoggiando appieno quei valori che da 75 anni caratterizzano l’impegno per i diritti dei
bambini, contro la malnutrizione, il mancato accesso alle cure sanitarie, all’acqua potabile ed
all’istruzione. UNICEF si batte da sempre per garantire ad un numero sempre maggiore di bambini
ed adolescenti una vita migliore. “Non posso che essere felice per la scelta di conferire il
ruolo di Testimonial a Pina Amarelli – commenta l’Ambasciatore Nazionale UNICEF Michele
Affidato – La Calabria sta compiendo un grande lavoro grazie al Presidente Regionale
Giuseppe Raiola che assieme a tutti gli altri comitati provinciali, condividono l’impegno di
mantenere sempre attiva la macchina della solidarietà di UNICEF. Questa nomina
aggiunge un valore in più, ai tanti sforzi che si stanno compiendo. Pina Amarelli è uno dei
fiori all’occhiello di questa terra. Un’imprenditrice ed una amica che, da anni, con il suo
impegno ed il suo lavoro rappresenta una delle aziende di eccellenza italiana. A lei – ha poi
concluso Affidato – faccio i miei più sinceri auguri e il benvenuto all’interno della grande
famiglia UNICEF, con la certezza che avremmo modo di collaborare in molte iniziative”.

Torna in alto