Cerca
Close this search box.

PRIMA SCONFITTA DEL CROTONE E PERDITA DEL PRIMO POSTO IN CLASSIFICA

calapai

FOGGIA: Nobile; Sciacca, Malomo, Rizzo; Garattoni, Di Noia (29’st Chierico), Perermann, Frigerio, Nicolao; D’Ursi, Vuthaj (40’st Tonin). A disp.: Raccichini, Illuzzi, Papazov, Ogunseye, Schenetti, Perata, Leo, Peschetola, Iacoponi, Odjer. All. Gallo
CROTONE: Branduani; Calapai, Golemic, Cuomo, Giron (38’st Crialese); Petriccione, Carraro (25’ Awua, 38’st Bernardotto), Tribuzzi (27’st Vitale); Chiricò, Gomez (27’st Tumminello), Kargbo. A disp.: Dini, Gattuso, Mogos, Bove, Papini, Giannotti, Rojas, Pannitteri, Panico. All. Lerda
ARBITRO: Graci di Como
MARCATORI: 6’st Vuthaj (F)
AMMONITI: Cuomo (C), Frigerio (F), Tribuzzi (C), Di Noia (F), Petriccione (C), Rizzo (F), Nobile (F), Sciacca (F), Kargbo (C)

Il Foggia che veniva dal cambio allenatore e da una serie di sconfitte e con soli 4 punti in classifica e con il presidente che ha messo sotto torchio i propri tesserati, ha ottenuto con un errore della difesa crotoniate una vittoria poi meritata in quanto i padroni di casa hanno proposto una serie di azioni pericolose sotto la porta difesa da Branduani che si è fatto provare impreparato nell’occasione della rete insieme al compagno di squadra Calapai. Il Crotone è apparso lento e macchinoso come tra l’altro ha detto lo stesso tecnico Franco Lerda a fine gara, sempre il tecnico del Crotone ha espresso il suo pensiero sul terreno di gioco che era in pessime condizioni e non aveva messo il preventivo la prova dei sui molto sotto la sufficienza. da notare il gioco molto duro dei foggiani che hanno praticamente portato alla sostituzione per infortunio di Carraro che è stato trasportato in ospedale, molti gli ammoniti da parte di un arbitro non all’altezza.  Ora ha inizio la rincorsa contro la corregionale che ha battuto in casa la Viterbese e resta isolata a 3 lunghezze in vetta alla classifica. Si torna in campo martedì alle 21 allo Scida contro al Virtus Francavilla e nelle fila del Crotone mancherà Petriccione  già diffidato e ammonito a Foggia.

Giovanni Monte

Torna in alto