Cerca
Close this search box.

SECONDO KO CONSECUTIVO DEL CROTONE E ALTRI 3 GOAL AL PASSIVO

CARTELLO FRANCAVILLA (1)

VIRTUS FRANCAVILLA: Forte; Accardi, Gavazzi (8’pt De Marino), Monteagudo; Di Marco, Biondi (31’st Izzillo), Fornito (18’st Risolo), Macca, Nicoli; Giovinco (18’st Zuppel), Artistico (31’st Polidori). A disp.: Carretta, Lucatelli, Serio, Yakubiv, Fekete, Lo Duca, Latagliata, Carella. All. Villa
CROTONE: Dini; Leo, Loiacono, Gigliotti, Giron (27’st Crialese); Tribuzzi, Felippe (16’st D’Errico), Petriccione, Vitale (38’st Rojas); Vuthaj (27’st D’Ursi), Gomez (27’st Tumminello). A disp.: D’Alterio, Lucano, Spaltro, Giannotti, Papini, Bruzzaniti, Jurcec, Vinicius, Pannitteri, Cantisani. All. Zauli
ARBITRO: Mirabella di Napoli
MARCATORI: 26’pt Giovinco (F), 39’pt Gigliotti (C), 6’st Fornito (F), 42’st Polidori (F)
AMMONITI: Biondi (F), Artistico (F), Monteagudo (F), Fornito (F), Zuppel (F), Polidori (F), D’Errico (C)
ESPULSI: 11’st Gigliotti (C) per doppia ammonizione

La squadra del Francavilla  si è costruita il successo minuto dopo minuto senza preoccupazioni e con una prestazione collettiva oltre la sufficienza. Anche quando il Crotone dava l’impressione di ribaltare il risultato. Formazione ospite iniziale con alcune novità che hanno riguardato Loiacono difensore centrale in sostituzione di Papini, Vuthaj seconda punta al posto dell’esterno D’Ursi e fuori anche l’attaccante Tumminello per fare posto a Gomez.
Il tecnico dei locali Villa ha preferito lasciare fuori Carella, Izzillo e Polidori per fare posto rispettivamente a Macca, Biondi, Giovinco.
Inesistente il Crotone in fase offensiva a causa dei pochi rifornimenti che arrivano dai centrocampisti e ne approfitta il Francavilla che riesce a controllare bene le timide giocate degli ospiti. Petriccione, Vitale, Felippe e Tribuzzi statici nella propria metà campo. Un atteggiamento non confacente con il loro valore. La seconda punta Vuthaj e l’attaccante Comez mai con la possibilità di poter calciare a rete con decisione per mancanza di assist.

Audio conferenza stampa di Lamberto Zauli

Torna in alto