Cerca
Close this search box.

Tartufo Nero di Calabria, l’inizio di un nuovo racconto

cover-tartufo-nero-di-calabria

Tartufo nero di Calabria è il primo libro di letteratura dedicato alla prelibatezza più significativa dei boschi del Pollino, della Sila, delle serre dell’Aspromonte. Il volume verrà presentato domenica 7 Aprile nella suggestiva cornice della catasta di Morano Calabro nella frazione di Campotenese, in provincia di Cosenza a partire dalle 10:30. Alla presentazione del libro seguiranno alle 14:30 dimostrazioni cinofile e giochi con i cani addestrati in un ring appositamente allestito da Asso Tartufai Calabria. L’evento sarà un itinerario culturale enogastronomico con preziosi contributi scientifici, testimonianze di cavatori e aneddoti storici destinati a dar vita a una narrazione inedita del territorio. Tutto questo è reso possibile grazie alla determinazione dei fratelli Pirro di Corigliano, che dagli anni 80 lavorano per promuovere le eccellenze agroalimentari locali, è stata curata da Francesco Spanò e Claudio Mattia Serafin in collaborazione con la giornalista Maria Teresa Improta, con prefazione dell’Assessore regionale all’Agricoltura, risorse agroalimentari e forestazione Gianluca Gallo. I boschi calabresi sono descritti attraverso i profumi dei pregiati funghi ipogei e le conoscenze di esperti in materia, che nei decenni hanno svolto studi per approfondire e identificarne le peculiarità. Ad arricchire l’avventura alla scoperta dei tuber calabrese l’intervento del responsabile dell’unità operativa di cardiologia dell’ospedale di Castrovillari Giovanni Bisignani che nel volume ne analizza le proprietà benefiche sul corpo umano nonché gli apporti nutrizionali e il vasto campo di applicazione in ambito medico e farmaceutico. Tutelare le aree tartufigene è sicuramente e direttamente correlato alla protezione del patrimonio boschivo, questo di conseguenza deve portare alla riduzione di disboscamenti, incendi e, di conseguenza, del dissesto idrogeologico prevenendo frane smottamenti. Sicuramente la salvaguardia del tartufo nero di Calabria sarà un’occasione imperdibile per costruire una filiera, che possa imporsi sul mercato con grande successo facendo emergere il sommerso.

  Flavia Lombardo

 

 

Torna in alto