Cerca
Close this search box.

Una Sola Giornata Il nuovo album di Sergio Cammariere

SERGIO

È uscito il nuovo album di Sergio Cammariere musicista crotonese, compositore e interprete di rara raffinata intensità espressiva, ha nella sua anima l’eco delle note dei grandi maestri del jazz, i ritmi latini e sudamericani, la musica classica e lo stile della grande scuola cantautoriale italiana.
“Una sola giornata” titolo dell’opera, che racchiude metaforicamente l’intera esistenza: un solo giorno che raccoglie diverse tappe della vita.
Nell’album troviamo canzoni che conducono l’ascoltatore in un viaggio senza luogo e senza tempo, perché per definizione musica e poesia non conoscono confini. Il sentimento dell’amore in questo lavoro è immerso in un contesto più ampio, alla ricerca di una consapevolezza in cui il particolare tende all’universale, tra suadenti notte jazz e coinvolgenti ritmi latini.
Frutto del lockdown è la canzone I fiori parlano, un tango scritto nei mesi della pandemia: in quel tempo trascorso in un silenzio surreale è stata la natura a far sentire la sua voce mentre l’uomo sembrava soltanto una nota stonata nell’universo.
I rintocchi del tempo il significato profondo dell’amore si ritrovano anche nella dolce melodia di Acqua nell’acqua, una delle canzoni più suggestive della raccolta, che lascia il passo alla tenera dedica di Qualcosa poi verrà con la sua storia che non teme l’eternità, alla poesia malinconica di E tu diventi più vera fino all’aria sognante di Di te che ho bisogno.
Ma se la passione muove e dà un senso alla vita di ognuno di noi, è anche vero che può duramente ferirci.
Nel nuovo album sono presenti 13 tracce nate dalla collaborazione con Roberto Kunster. “Questo è un disco che è stato concepito quasi otto anni fa, iniziando la scrittura delle canzoni per poi passare ad un lungo periodo di pausa e di riflessione con la pandemia e in quell’occasione si è messa a fuoco la scaletta partendo da quasi 30 pezzi per poi fare una grande scrematura”, così ha dichiarato l’autore.
Nel disco suonano i musicisti che da sempre accompagnano Sergio nei live: Amedeo Ariano alla batteria, Luca Bulgarelli al contrabbasso, Daniele Tittarelli al sax soprano, l’orchestra di archi diretta da Marcello Sirignano. Tra gli ospiti: Fabrizio Bosso alla tromba, Giovanna Famulari al violoncello e Luciano Biondini alla fisarmonica. Chiudono la sessione di registrazione Alfredo Golino alla batteria, Ares Tavolazzi al contrabbasso, Maurizio Fiordiliso alla chitarra elettrica e Roberto Kunstler alla chitarra acustica.
Le sorprese per l’autore crotonese non finiscono, perché la grande Mina sceglie di ricantare inserire nel suo nuovo attesissimo disco “Tutto quello che un uomo“, uno dei capolavori più amati di Cammariere che nel 2003 gli è valso il terzo posto al festival di Sanremo, il premio della critica il premio “migliore composizione musicale“, e che oggi conta oltre 10 milioni di visualizzazioni su YouTube, l’artista prosegue la sua importante collaborazione con il teatro del cinema. Sergio compone infatti le musiche originali per il nuovo film di pupi Avati “La quattordicesima domenica del tempo ordinario“ in uscita a maggio e scrive insieme al regista la canzone “La quattordicesima domenica” che nella pellicola viene interpretata con gli attori Gabriele Lavia e Lodo Guenzi. Inoltre, a marzo 2023, vanno in scena gli spettacoli “L’altra Teresa” con Monia Ovadia e “Teresa la ladra” di Dacia Maraini con Mariangela D’Abbraccio -con musica e canzoni originali scritte dal cantautore insieme alla stessa Maraini.
Sergio Cammariere presenterà dal vivo le nuove canzoni, insieme ai successi più amati, nei concerti che lo vedranno impegnato in primavera in estate.

Lombardo Flavia

 

Torna in alto